• +39.324.5464117
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Steve Panariti, il fotografo di Barriera
  • Steve Panariti, il fotografo di Barriera
  • Steve Panariti, il fotografo di Barriera

Steve Panariti, il fotografo di Barriera

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Steve Panariti è un fotografo professionista nato e cresciuto (orgogliosamente) in Barriera di Milano, un quartiere di Torino a volte difficile, ma con un carattere che entra nel DNA delle persone che ci vivono.

Steve viene a trovarci per una serata nella quale racconta il suo percorso e la sua storia fotografica attraverso immagini d’impatto, scattate per strada in diverse città del mondo dove “l’anima di Barriera” è fortemente cercata ed inserita. Panariti presenta “Diamonds”, un libro che raccoglie fotografie scattate negli ultimi anni a Torino, in Europa e negli Stati Uniti. L’editing è stato curato dal gallerista Guido Costa che ha saputo dare al lavoro di Steve un senso più profondo e strutturato mescolando fotografie di più ampio respiro a ritratti realizzati in strada che ben contestualizzano i soggetti ripresi.

Panariti nasce nel 2000 come fotografo di moda. Inizia a lavorare in uno studio torinese che si occupa di consulenza di stile per famosi marchi alcuni dei quali richiedono anche shooting fotografici realizzati soprattutto negli Stati Uniti. Quasi per gioco, in un set di Miami, si presenta per Steve l’occasione di scattare immagini aggiuntive a quelle prodotte dal fotografo ufficiale. Le foto di Steve piacciono al cliente più di quelle ufficiali e si apre per lui la carriera nel mondo della fotografia di moda.

Sfruttando le trasferte, dopo il lavoro, Steve va alla ricerca di mondi che più gli appartengono. Incomincia a fotografare di notte persone per strada ricercando Barriera in quartieri diversi da quelli esteticamente adatti alla fotografia di moda. Raccoglie le foto scattate e pubblica il suo primo libro “The dreamers”.

Vediamo scorrere le fotografie di Steve direttamente dal suo profilo Instragram. La galleria contiene tanti ritratti in bianco e nero alcuni realizzati con l’uso del flash per isolare il soggetto dal contesto, altri frutto di un incontro. Un duplice approccio che Steve utilizza per realizzare le sue fotografie: il primo “mordi e fuggi”, il secondo più profondo dove i risultati sono fotografie che raccontano un incontro fatto di tante chiacchiere con il soggetto, fatto di storie dietro le fotografie.

Le composizioni non sono classiche, Steve predilige composizioni istintive che mettano in risalto i soggetti e la loro forza emotiva ed espressiva. Immagini che restituiscono bellezze ed estetiche profondamente diverse da quelle delle fotografie di moda che Steve realizza per lavoro.

Una bella e piacevole serata. Steve è diventato da subito uno di noi, entrando in sintonia immediata con il Gruppo per una serata particolarmente gioiosa e giocosa, ma densa di interessante fotografia. 

Grazie Steve. Ti aspettiamo presto per un’altra serata insieme.

Testo e foto di Paola Zuliani